Elettronica...

....... per Passione

Sunday
Dec 17th
    WebEpP
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Tecnologia Business Tech Dal blog di Arbor Networks: Analisi del traffico Internet in occasione dei Mondiali

Dal blog di Arbor Networks: Analisi del traffico Internet in occasione dei Mondiali

E-mail Stampa
Votazione Utente: / 0
ScarsoOttimo 

Milano, 05 Luglio 2010 – Nel corso delle ultime settimane Arbor Networks, leader nelle soluzioni per il controllo della sicurezza delle reti mondiali, ha monitorato l’impatto che i Mondiali di calcio stanno avendo sull’infrastruttura di internet.

 

Nonostante prima dell’inizio dei Mondiali si pronosticasse che la Rete non avrebbe retto il peso del traffico generato in occasione di questa competizione, Arbor ha rilevato degli aumenti di traffico consistenti, pari al 30%,  ma in generale una buona performance di Internet.

 

 In alcuni casi le manifestazioni del Campionato del Mondo hanno persino generato dei cali nel traffico Internet in quanto milioni di utenti hanno sospeso le loro attività di navigazione sul Web per assistere alle partite trasmesse in televisione.

 

L’analisi, realizzata sfruttando le statistiche anonime sul traffico fornite da alcuni ISP che aderiscono all'ATLAS Internet Observatory, è riportata di seguito.

 

 

Mondiali-Internet: una partita ancora aperta

 di Craig Labovitz, Chief Scientist di Arbor Networks

 

Mentre il Campionato del Mondo di calcio sta per entrare nella sua fase conclusiva, facciamo una rapida valutazione dell'impatto che questa competizione riversa sull'infrastruttura Internet.

 

In particolare ci soffermiamo sui dipendenti che, non avendo accesso alla televisione durante le ore di lavoro, creano un flusso vertiginoso di traffico video diretto ai loro desktop generando non poco scompiglio sul fronte delle connessioni Internet. Si può dire che la Rete abbia trovato un degno avversario nei Mondiali?

 

Si potrebbe pensare di sì, viste le centinaia di articoli che preannunciavano una sorta di cataclisma infrastrutturale per Internet in occasione del Campionato del Mondo. Il mio pezzo preferito è quello redatto dal Sunday Scotland Herald lo scorso 27 Giugno.

 

Fino ad ora però tutti i timori inerenti possibili travolgimenti delle dorsali e interruzioni della Rete si sono rivelati completamente infondati. Analizzeremo alcune cifre in particolare, sfruttando le statistiche anonime sul traffico fornite da alcuni ISP che aderiscono all'ATLAS Internet Observatory.

In generale, prevediamo un incremento del 30% del traffico sulle dorsali a causa dei video relativi ai Mondiali; traffico sicuramente consistente ma non tale da bloccare la Rete. In alcuni casi le manifestazioni del Campionato del Mondo hanno persino generato dei cali nel traffico Internet in quanto milioni di utenti hanno sospeso le loro attività di navigazione sul Web per assistere alle partite trasmesse in televisione.

Alcuni servizi online secondari hanno invece registrato interruzioni periodiche come ad esempio Twitter, che ha subito picchi di traffico massicci raggiungendo i 3.000 messaggi al secondo dedicati al Campionato.

Nonostante qualche segnalazione di accesso rallentato ai siti sportivi (ad esempio ESPN), dalle discussioni avute con i provider è emerso che negli Stati Uniti e nel Regno Unito la qualità video di alcuni dei più importanti operatori come ESPN3 e BBC iPlayer (entrambi basati su Akamai) è stata elevata.

Akamai e BBC hanno registrato numeri record con punte di 800.000 connessioni simultanee. Talmente era alta la posta in gioco relativa all'evento mondiale di maggiore portata mai trasmesso su Internet, che si è persino arrivati a una diatriba fra ESPN e CBS: la prima sostiene che i Mondiali abbiano rappresentato l'evento Internet di maggiore rilievo, mentre la CBS controbatte rivendicando il primato per il pubblico di 1,15 milioni di spettatori della partita Brigham Young / Florida.

Se è vero che diversi provider hanno limitato la visione Internet del Campionato del Mondo ai soli utenti paganti (ad esempio ESPN) o a particolari zone geografiche (come nel caso di BBC e CBC), è altrettanto vero che la Univision (anch'essa basata su Akamai) ne ha garantito la fruizione gratuita a livello globale. A seconda della regione geografica di residenza, gli appassionati hanno anche potuto scegliere fra diverse opzioni commerciali per non parlare delle dozzine di siti di streaming video clandestini.

Secondo i dati di ATLAS relativi alla prima settimana del Campionato del Mondo, l'incremento più sostanziale registrato in termini di traffico Flash è avvenuto martedì 15 giugno quando i video sono più che raddoppiati passando da una media di 400 Gbps a una punta di 1 Tbps. Un balzo presumibilmente causato dal forte interesse degli appassionati per la partita Brasile-Corea del Nord, conclusasi con un punteggio di 2 a 1.

Sempre considerando questi dati, ma prendendo in esame il traffico Flash di una data ben precisa, ovvero il 23 giugno, è possibile notare come anche in questa occasione il traffico Flash sia più che raddoppiato in concomitanza dei vari match.

Ampliando però il quadro dell'analisi, bisogna affermare che il traffico Flash rappresenta solo una piccola percentuale del traffico Internet complessivo, e nell'insieme la bandwidth interdominio non ha registrato richieste particolarmente pesanti durante le giornate dei Mondiali (a differenza ad esempio di quanto avvenuto in termini d traffico Internet in occasione della cerimonia di insediamento di Obama).

Comparando sia il traffico Flash che quello Web proveniente da 55 ISP selezionati a caso lo scorso 23 giugno, si osserva infatti che ci sono state leggere diminuzioni durante i picchi della copertura dei Mondiali per il traffico web

A essere onesti bisogna dire che il traffico interdominio fornisce solo una valutazione limitata dei video del Campionato del Mondo. Ad esempio, le cache locali supportano la maggior parte del traffico video CDN di Akamai. Inoltre, mentre in genere le statistiche anonime rilasciate da ATLAS non includono questo traffico locale, molti ISP monitorano con grande attenzione la bandwidth dei server Akamai locali. Tre consumer provider hanno gentilmente fornito i dati statistici riguardanti sia la loro cache Akamai locale sia il traffico Akamai interdominio.

Il traffico della cache, invece, si è mantenuto costante durante la prima settimana dei Mondiali. Solo il flusso interdominio (presumibilmente streaming HD) evidenzia un consistente balzo del 25% circa durante la competizione.

Fino ad oggi possiamo dire che Internet ha resistito bene, ma con l'avvicinarsi delle partite finali ci aspettiamo un aumento dell'interesse da parte degli spettatori e di conseguenza un incremento dei volumi di traffico. Come da avvertimento dello Scotland Herald, quindi, la partita Internet-Mondiali di Calcio è ancora tutta da giocare....

 

About Arbor Networks

Arbor Networks(R) fornisce servizi per la sicurezza di rete core-to-core e le prestazioni operative per le reti aziendali globali. Le soluzioni NBA (Network Behavioral Analysis) di Arbor sono costruite sulla piattaforma Arbor Peakflow(R), per garantire visualizzazioni in tempo reale delle attività di rete che consentono alle organizzazioni di proteggersi immediatamente da worm, attacchi DDoS, abuso interno, instabilità di traffico e routing, nonché di suddividere in segmenti e rafforzare le reti in vista di future minacce. Oggi, i clienti di Arbor Networks comprendono una vasta gamma di provider di servizi e clienti aziendali, appartenenti a diversi settori in tutto il mondo, a dimostrazione della profondità e dell'ampiezza dell'esperienza di Arbor Networks in fatto di sicurezza. La tecnologia si serve della piattaforma Arbor Peakflow per impedire costosi tempi di inattività, consentire la pulizia della rete e aumentare la fiducia dei clienti. Per ulteriori informazioni su Arbor Networks, visitare http://www.arbornetworks.com/

 

Arbor partecipa anche ad ATLAS, un particolare programma che vede la collaborazione di oltre un centinaio di service provider di tutto il mondo impegnati a condividere informazioni in tempo reale riguardanti aspetti quali la sicurezza, il traffico e il routing. Nessun'altra realtà può contare oggi su informazioni aggregate di tale portata in merito agli eventi Internet, unitamente agli strumenti per un'approfondita collaborazione inter-provider volta a informare numerose decisioni di business.

 

Per ulteriori informazioni su ASERT(Arbor Security Engineering & Response Team), il ramo della società che si occupa di ricerche nel campo della sicurezza, visitare il blog di ASERT all'indirizzo http://asert.arbornetworks.com.

 

Nota per i redattori: Arbor Networks, Peakflow, ATLAS e il logo Arbor Networks sono marchi commerciali di Arbor Networks, Inc.  Tutti gli altri marchi possono essere marchi commerciali dei rispettivi proprietari.


Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 07 Luglio 2010 12:34 )  

Directory-Links

links

 

Login Form



Hot topic

 

EUROPLACER Xpress

Velocità, intelligenza, compattezza.  La serie XPress rappresenta l'ultima versione del ...

 

Serigrafica Dek 248

 Flessibile ed economicaIl modello DEK 248 è una macchina economica e potente progettata...

Online

 513 visitatori online

sitemap