Elettronica...

....... per Passione

Tuesday
Oct 17th
    WebEpP
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home News Media alert Arbor Networks: analisi del traffico Google

Media alert Arbor Networks: analisi del traffico Google

E-mail Stampa
Votazione Utente: / 1
ScarsoOttimo 

Milano, 24 marzo 2010 - Arbor Networks, leader nelle soluzioni per il controllo della sicurezza delle reti mondiali, ha riportato nel proprio blog un’interessante analisi, corredata di grafici, sulle dimensioni e la crescita di Google nel quadro globale di Internet.

Di seguito il commento di Craig Labovitz, Chief Scientist di Arbor Networks,

Quanto è grande Google?

 

Il recente annuncio da parte di Google relativo alla realizzazione di una rete di connessione Internet in fibra ottica FTTH (Fiber To The Home) ha suscitato una moltitudine di commenti e opinioni sui media e nella pubblica opinione, con pareri che vanno dall'adesione entusiastica delle comunità locali alle veementi proteste di anti-competitività dei provider nazionali.

 

Gli esperti del settore si domandano quali siano le intenzioni di Google. Cosa si propone di fare il gigante dei motori di ricerca con la fornitura di connettività a 1Gbps nelle abitazioni? Cosa più pericolosa, Google sta diventando troppo grande e potente?

 

Questo post non pretende certo di analizzare la politica e le strategie dell'iniziativa FTTH di Google (fatta eccezione per il suggerimento riguardante la scelta di Ann Arbor), ma soltanto di fornire alcuni dati relativi alle dimensioni e alla crescita di Google nel quadro globale di Internet.

 

Google è grande.

 

E con "grande" si intende grande nel vero e più completo senso della parola. Se Google fosse un ISP sarebbe la realtà in più forte crescita del settore e il terzo carrier globale in assoluto. Soltanto due altri provider (i quali trasportano una porzione significativa dei volumi di traffico di Google) contribuiscono in misura maggiore al traffico interdominio. Ma a differenza della maggioranza dei carrier globali (i cosiddetti carrier "tier 1"), la dorsale di Google non distribuisce traffico per conto di milioni di abbonati né di migliaia di reti regionali e grandi aziende. L'infrastruttura di Google supporta unicamente Google.

 

Sulla base di dati anonimi forniti da 110 ISP di tutto il mondo, stimiamo che nell'estate 2009 Google abbia contribuito  al traffico Internet complessivo nella misura del 6%-10%.

 

Se guardiamo la percentuale media ponderata del traffico Internet complessivo veicolato sulle ASN di Google tra giugno 2007 e luglio 2009. La maggior parte della rapida crescita di Google è successiva all'acquisizione di YouTube avvenuta nel 2007.

 

Prima di proseguire, spendiamo alcune parole in merito a ciò di cui stiamo parlando. I volumi di traffico forniscono soltanto una misura indiretta delle dimensioni o della popolarità di una rete (per esempio, servono decine di migliaia di Tweet per eguagliare la bandwidth di un unico video HD). I nostri dati anonimi non comprendono i servizi forniti da provider interni (ad esempio IPTV o VPN) e non tengono conto dei dati forniti dalle cache residenti in co-location nei data center dei provider. Si tratta piuttosto di misurazioni riguardanti il traffico tra domini, ovvero il traffico tra provider (la porzione "inter" del termine "Internet").

Alla luce di quanto detto, i volumi di traffico tra domini rappresentano un parametro chiave per comprendere la topologia di Internet e l'evoluzione degli schemi di traffico sulla Rete.

Ma anche i volumi di traffico rappresentano soltanto una parte del quadro complessivo.

La competizione tra Google, Microsoft, Yahoo e altri grandi provider di contenuti ha ormai raggiunto un livello che va ben oltre chi fornisce i video e le funzioni di ricerca migliori. La competizione per il predominio su Internet ora riguarda in massima parte l'infrastruttura stessa: la capacità pura di calcolo dei data center e il grado di efficienza (nel senso della velocità e dell'economicità) con la quale vengono forniti i contenuti ai consumatori.

Anche sotto questo punto di vista, Google è in testa al gruppo.

Nel 2007 Google si avvaleva di transit provider per la maggior parte del proprio traffico Internet (compreso quello Level(3)). Ma negli ultimi tre anni Google ha implementato un data center globale e capacità di distribuzione dei contenuti proprie, oltre ad avere perseguito aggressivamente una politica di creazione di interconnessioni dirette con la maggioranza delle reti consumer.

Secondo una stima della percentuale media del traffico mensile di Google che utilizza interconnessioni dirette (ovvero senza il contributo di un transit provider) - basata sui dati statistici anonimi forniti da 110 provider - nel 2007 Google necessitava di capacità di transito per la maggior parte del proprio traffico, ma oggi la maggioranza di questo traffico (oltre il 60%) viaggia direttamente da Google alle reti consumer.

Ma persino la realizzazione di un data center da migliaia e migliaia di metri quadrati di superficie, l'attivazione di centinaia di sessioni di peering e la co-location di oltre 60 exchange pubblici non segna la parola fine.

Nell'ultimo anno Google ha implementato numerosissimi server Google Global Cache (GGC) all'interno delle reti consumer di tutto il mondo. Discussioni aneddotiche con i provider suggeriscono che oltre la metà di tutte le grandi reti consumer di Nordamerica ed Europa annovera oggi uno o più rack di server GGC.

In conclusione, dopo aver investito miliardi di dollari nella realizzazione di un proprio data center, in molteplici acquisizioni e nella creazione di una dorsale globale per distribuire i contenuti direttamente alle reti consumer, quale sarà la prossima mossa di Google?

Ebbene, io mi auguro che si tratti della distribuzione dei contenuti direttamente ai consumatori attraverso connessioni Internet in fibra ottica FTTH a 1 Gbps.

Google, per favore, scegli Ann Arbor.

 

About Arbor Networks

Arbor Networks(R) fornisce servizi per la sicurezza di rete core-to-core e le prestazioni operative per le reti aziendali globali. Le soluzioni NBA (Network Behavioral Analysis) di Arbor sono costruite sulla piattaforma Arbor Peakflow(R), per garantire visualizzazioni in tempo reale delle attività di rete che consentono alle organizzazioni di proteggersi immediatamente da worm, attacchi DDoS, abuso interno, instabilità di traffico e routing, nonché di suddividere in segmenti e rafforzare le reti in vista di future minacce. Oggi, i clienti di Arbor Networks comprendono una vasta gamma di provider di servizi e clienti aziendali, appartenenti a diversi settori in tutto il mondo, a dimostrazione della profondità e dell'ampiezza dell'esperienza di Arbor Networks in fatto di sicurezza. La tecnologia si serve della piattaforma Arbor Peakflow per impedire costosi tempi di inattività, consentire la pulizia della rete e aumentare la fiducia dei clienti. Per ulteriori informazioni su Arbor Networks, visitare http://www.arbornetworks.com/

 

 

Arbor partecipa anche ad ATLAS, un particolare programma che vede la collaborazione di oltre un centinaio di service provider di tutto il mondo impegnati a condividere informazioni in tempo reale riguardanti aspetti quali la sicurezza, il traffico e il routing. Nessun'altra realtà può contare oggi su informazioni aggregate di tale portata in merito agli eventi Internet, unitamente agli strumenti per un'approfondita collaborazione inter-provider volta a informare numerose decisioni di business.

 

Per ulteriori informazioni su ASERT(Arbor Security Engineering & Response Team), il ramo della società che si occupa di ricerche nel campo della sicurezza, visitare il blog di ASERT all'indirizzo http://asert.arbornetworks.com.

 

Nota per i redattori: Arbor Networks, Peakflow, ATLAS e il logo Arbor Networks sono marchi commerciali di Arbor Networks, Inc.  Tutti gli altri marchi possono essere marchi commerciali dei rispettivi proprietari.


Ultimo aggiornamento ( Venerdì 26 Marzo 2010 16:03 )  

Directory-Links

links

 

Login Form



Hot topic

 

EUROPLACER Xpress

Velocità, intelligenza, compattezza.  La serie XPress rappresenta l'ultima versione del ...

 

Serigrafica Dek 248

 Flessibile ed economicaIl modello DEK 248 è una macchina economica e potente progettata...

Online

 141 visitatori online

sitemap